“La Direzione Nazionale del Partito Repubblicano Italiano, preso atto dell’impossibilità da parte del campo progressista di costruire una valida alternativa di governo alle destre, ha deliberato di siglare un patto elettorale con Matteo Renzi, Italia Viva ed altri, al fine di creare un terzo polo dei laici, dei repubblicani e riformisti che affronti i bisogni del Paese nel solco del lavoro compiuto dal Presidente Draghi”. Lo comunica in una nota il Pri, il più antico partito esistente in Italia, protagonista della prima Repubblica e ora ridotto a percentuali microscopiche. Ma sempre, dal lontanissimo 1895, con lo stesso nome e simbolo (la foglia di edera a cinque punte).

Dopo le ultime esperienze al fianco di Ala di Denis Verdini (Politiche 2018) e di +Europa (Europee 2019) i repubblicani guidati da Corrado De Rinaldis Saponaro scelgono dunque di correre sotto le insegne renziane: “La direzione ha dato mandato al Segretario di raggiungere tutti gli accordi necessari per le candidature di uomini e donne che il Partito Repubblicano offrirà alla lista comune”, si legge nella nota. E tifano perché nel listone (o almeno nella coalizione) entri anche Carlo Calenda, fresco di rottura col Pd: “I Repubblicani auspicano che anche Azione dell’onorevole Calenda, dopo aver verificato l’impossibilità di partecipare all’alleanza di sinistra, possa far parte a pieno titolo di questa area politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Tajani: “Premier? Non c’è preclusione verso alcun leader del centrodestra, obiettivo di FI è 20%”. E presenta nuovo simbolo europeista

next
Articolo Successivo

Il Pd da troppo tempo offre di sé l’immagine del meno peggio

next