Hanno spalato senza sosta, tutto il giorno, gli abitanti dei paesi dell’Alta Valcamonica, nel Bresciano, dove la scorsa notte un nubifragio ha trasformato le strade in torrenti, a causa dell’esondazione del torrente Re. A 35 anni dall’alluvione che causò cinque vittime, Niardo e Braone sembrano rivivere lo stesso incubo. “È uguale a al 1987: un’ora di acqua ha fatto questo disastro. Tremava tutto, venivano giù i sassi”, racconta un residente che, vanga in mano, si è messo subito al lavoro. “A me il maltempo ha rotto la macchina, che era in cortile, e tutto l’appartamento è da rifare“, aggiunge una donna. “Ho sentito ambulanze e vigili del fuoco – racconta un altro residente di Niardo – Pensavo a qualche fognatura saltata, invece è uguale all’alluvione del 1987”. La pioggia ha causato “una colata molto importante che s’è bloccata all’inizio del conoide e ha fatto disalveare l’alveo” del torrente Re, “ancora fuori sede”, ha spiegato spiega il direttore della Protezione civile bresciana, Giovanmaria Tognazzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riviera Romagnola, Arpae: “Sei zone tornate balneabili”. Il comune di Rimini: “Nessun superamento”

next
Articolo Successivo

Multe ai negozi con aria condizionata e porte aperte, la Francia fa sensibilizzazione. E l’Italia?

next