Ha salvato due bimbi che rischiavano di annegare ed è poi deceduto a riva per un malore. E’ morto così a Castel Volturno (Caserta) Rahhal Amarri, un 42enne di origine marocchina, da quasi vent’anni nel comune del litorale casertano, dove gestiva il lido dove è avvenuta la tragedia. Sul posto la Guardia Costiera e il pm di turno della Procura di S. Maria Capua Vetere. Dai primi accertamenti effettuati, emerge che il 42enne, quando ha visto alcuni bambini in difficoltà tra le onde, si è tuffato e con l’aiuto di un secondo soccorritore li ha riportati a riva, ma quando è arrivato sul bagnasciuga non è stato possibile rianimarlo.

Amarri gestiva da tempo il Lido dei Gabbiani come rappresentante legale di una società che ne stava per acquisire il ramo d’azienda. Un fratello del 42enne, residente a Firenze, è in arrivo a Caserta, presso l’istituto di medicina legale, dove la salma è stata condotta; sarà lui probabilmente a decidere se chiedere o meno l’autopsia.

Il fatto è avvenuto tra le 9.30 e le 10 del 7 giugno: due bimbi di sei o sette anni, uno con i braccioli e l’altro senza, si sono tuffati e già poco dopo la corrente ha iniziato a portarli verso il largo. I bambini hanno gridato per richiamare l’attenzione; Amarri e un’altra persona che stava raccogliendo frutti di mare si sono subito buttati in acqua. Il 42enne marocchino è riuscito a salvare uno dei due bimbi, portandolo a riva, poi si è rituffato per salvare il secondo, verso cui stava arrivando anche l’altro soccorritore; quest’ultimo ha afferrato il bimbo e l’ha portato a riva, aiutato dal bagnino, mentre Amarri è rimasto dietro, colpito probabilmente da un malore. Il bagnino a quel punto ha preso il pattino di salvataggio ed è andato a soccorrere Amarri, che però aveva perso i sensi. La piccola imbarcazione è giunta poco dopo a riva, il bagnino e l’altro soccorritore hanno tentato di rianimare il 42enne, ma è stato tutto inutile; altri tentativi sono stati effettuati dai militari della Capitaneria di Porto e infine dai sanitari del 118, che hanno usato un defibrillatore, ma il cuore di Amarri aveva smesso di battere. Sul posto non c’erano bagnanti; i bimbi salvati si sono dileguati e anche i loro genitori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bacoli, vietato portare viveri nei lidi: bagnanti perquisiti prima di entrare. Il sindaco: “Chi gestisce stabilimenti non è il padrone”

next
Articolo Successivo

Baby gang, un mese di violenze e arresti da Catania a Peschiera tra fan di Scarface, immigrati picchiati e ragazzi sfregiati fuori dal liceo

next