“Giarrusso l’ho incontrato tante volte, ci ho parlato tante volte al telefono. L’ho incontrato sei sette volte nel mio studio privato, anche di domenica. Mi ha sempre parlato e chiesto poltrone, posizioni, vicepresidente, delegati territoriali e via discorrendo. Non ho mai avvertito che ci fosse un dissenso politico, vengo a sapere oggi per la prima volta che la ragione del dissenso sarebbe il fatto che non è favorevole al sostegno al governo Draghi”. Così il leader Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, commentando, a margine di un convegno alla Sapienza, l’addio dell’europarlamentare Dino Giarrusso al Movimento. “Oggi ha l’occasione di essere coerente. Richiamo alle sue parole e a una sua convinta motivazione: chi lascia il M5S, ha detto in passato, deve lasciare anche l’incarico ottenuto tramite il M5s. Lui è europarlamentare e per il Movimento questa posizione è strategica. Sia conseguente, lasci anche quell’incarico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Texas, guerra e balneari: sono tanti gli esempi dell’odio che prevale sulla solidarietà

next
Articolo Successivo

Maria Falcone: “Soldi del Pnrr non finiscano nelle mani dei mafiosi”. Draghi: “Rafforziamo i controlli e contrastiamo le infiltrazioni”

next