“C’è stato un botto fortissimo e poi una nube di povere. Era tutto sottosopra, non si poteva respirare”. Sono le parole con cui una donna testimone dell’attacco missilistico russo a Odessa, in cui si sono registrati morti e feriti. La donna è sconvolta e, davanti a un edificio distrutto, racconta che è rimasta ferita anche una ragazza di 18 anni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Ue studia misure contro il patriarca Kirill. La replica: “Lui non teme le sanzioni”. L’arma religiosa di Putin con patrimonio da 4 miliardi

next
Articolo Successivo

Pace proibita? Piuttosto sbagliata: ecco quel che ho visto nello spettacolo di Santoro

next