“È vitale avere delle informazioni, delle prove documentate attentamente, se poi vogliamo perseguire i criminali con un’indagine. Perché per qualsiasi indagine, che sia nazionale o internazionale, la prima cosa è raccogliere le prove”. Lo ha detto a ‘Buongiorno’, su Sky TG24, Andrew Stroehlein, media director europeo di Human Rights Watch, che sulla possibilità di incriminare il presidente russo per le violenze e torture commesse in Ucraina ha aggiunto: “Bisogna mostrare una linea diretta che vada fino a Putin, che dimostri che abbia ordinato direttamente gli abusi”, anche se “questo è molto difficile da provare”. Ma c’è un altro modo, “che è quello un pochino più fattibile e che probabilmente accadrà, e” cioè “mostrare che Putin e altri ufficiali di alto livello sapevano dei crimini che venivano perpetrati, sapevano che stavano accadendo dei crimini di guerra, e non li hanno fermati, non hanno fatto alcun passo per fermarli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Oms: “Omicron 2 responsabile del 90% delle infezioni Covid nel mondo”

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, Obama torna per un giorno alla Casa Bianca e scherza con Biden: “Il mio vicepresidente…”

next