Dentro il rifugio antiatomico nella località di Vinniky, nella periferia di Leopoli, che risale alla Seconda guerra mondiale e veniva utilizzato dai nazisti contro i sovietici per difendersi dai bombardamenti. Ora – a distanza di così tanti anni – invece, viene utilizzato dagli ucraini contro le bombe, sganciate dagli aerei russi. All’interno del bunker oltre ai letti, divani – utilizzati per accogliere le persone e vivere, ci sono, poi, delle stanze ricoperte di argento, proprio per evitare le radiazioni nel caso di un attacco di tipo nucleare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Zaki in collegamento dall’Egitto: “La mia non è una vera libertà, non posso fare programmi. Qui ancora tanti amici in carcere per le proprie idee”

next