Sono almeno otto i serbatoi di petrolio incendiati in un presunto attacco di elicotteri ucraini a un deposito di carburante nella regione russa di Belgorod, secondo quanto scrive l’agenzia Tass che cita fonti locali. Intanto il ministero russo per le emergenze, fa sapere sempre la Tass, ha inviato sul posto almeno 170 vigili del fuoco coadiuvati da 50 mezzi per spegnere il rogo, che viene descritto di notevoli dimensioni. Gli abitanti delle case vicine al deposito in fiamme sono stati sgomberati dalle loro abitazioni. Il Cremlino afferma che l’attacco ucraino all’alba al deposito di petrolio sul suolo russo peserà sui colloqui.

video https://vk.com/belinter

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, la Spagna volta pagina: per chi ha sintomi lievi addio tamponi e niente quarantena. Stop alla conta dei singoli casi

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, Metsola a Kiev: “Vi aiuteremo a ricostruire le città, ci prenderemo cura delle vostre famiglie”

next