Lo avevano arrestato con l’accusa di aver fatto parte del commando che ha ucciso il giornalista Jamal Khashoggi. E invece il saudita fermato ieri in Francia non era la persona effettivamente ricercata. L’uomo non corrisponde infatti al sospetto per cui la Turchia aveva emanato un mandato d’arresto internazionale ed è stato rimesso in libertà. A riferilo è stato il procuratore generale di Parigi, Rémy Heitz.

Secondo il magistrato francese, l’uomo era stato fermato “sulla base di un mandato d’arresto internazionale emesso dalle autorità giudiziarie turche il 5 novembre 2018 nel quadro dell’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi”, ma “accurate verifiche relative all’identità di questa persona hanno permesso di stabilire che il mandato non si applicava ad essa”. L’uomo arresto ieri è stato dunque “rimesso in libertà”. Già ieri sera, l’ambasciata dell’Arabia Saudita a Parigi aveva dichiarato che il suo cittadino arrestato ieri mattina all’aeroporto parigino di Roissy-Charles-de-Gaulle mentre stava per imbarcarsi su un volo con destinazione Riad non ha “nessuna connessione” con l’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi e aveva chiesto il suo “rilascio immediato“. “Il cittadino in questione non ha alcun legame con il caso”, ha twittato l’ambasciata, aggiungendo che gli “assassini” sono già stati processati in Arabia Saudita e “stanno scontando” la loro pena lì.

L’uomo arrestato, secondo le indiscrezioni diffuse dall’emittente Rtl, rispondeva al nome di Khaled Aedh Al-Otaibi, 33 anni, ex membro della Guardia Reale dell’Arabia Saudita. Era stato l’Interpol a individuarlo come uno dei componenti del commando partito da Riyad pochi giorni prima del 2 ottobre 2018 per la metropoli turca con l’obiettivo di uccidere, su mandato del principe ereditario, Mohammad bin Salman, Khashoggi. Secondo un rapporto dei servizi segreti americani il collaboratore del Washington Post è stato ucciso e fatto a pezzi all’interno del consolato della monarchia del Golfo a Istanbul e poi cremato nel forno presente nella residenza del console.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Patrick Zaki è stato scarcerato dopo 22 mesi: “Voglio dire grazie agli italiani e a chi mi ha sostenuto. Appena potrò tornerò a Bologna”

next
Articolo Successivo

Incidente aereo in India, si schianta elicottero con 14 persone a bordo: morto il capo di stato maggiore dell’esercito indiano (video)

next