La didattica a distanza torna a conquistare le camere degli studenti italiani. L’annuncio “Mai più dad” d’inizio anno scolastico fatto dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in quest’ultimi giorni è stato smentito dai fatti e dai numeri. In quindici giorni sono aumentati i focolai a scuola e di pari passo le quarantene insieme alle lezioni online. Nell’ultima settimana l’Istituto Superiore di Sanità ha registrato un aumento dei casi di Covid in tutte le fasce d’età e in particolare nella popolazione di età inferiore ai 12 anni: “Nel periodo 8 – 21 novembre 2021, in questa popolazione sono stati segnalati 31.365 nuovi casi

E l’effetto, nelle scuole, si vede: la normativa prevede il ritorno a distanza con tre positivi in classe. Ma le Ats in alcuni casi fanno valutazioni complessive sugli istituti. In Lombardia, in due settimane, si è passati da 842 contagi (dal 1 al 7 novembre) a 2.542 (21 novembre) con 902 classi a casa.

In Piemonte l’incremento è più ridotto, ma in una settimana sedici aule in più hanno perso i ragazzi tra i banchi arrivando a 250 sezioni tornate a imparare davanti al personal computer. In Friuli Venezia Giulia sono cresciuti i casi di classi in dad alle superiori dove da 26 della scorsa settimana si è passati a 64. Intanto in Campania si pensa ad un ritorno alle lezioni online per tutti almeno per un mese a partire dall’8 dicembre. Lo ha scritto il Mattino e lo confermano diverse fonti dell’Ufficio scolastico regionale a ilfattoquotidiano.it

Al lavoro anche altri uffici scolastici regionali per monitorare la situazione: in Emilia Romagna, il direttore Bruno Di Palma, non ha sulla sua scrivania dei numeri ma ammette di sapere che i contagi e le classi in quarantena sono molte di più negli ultimi giorni mentre Antonella Iunti, a capo dell’Usr della Calabria sta predisponendo un monitoraggio puntuale che sarà pronto la prossima settimana. In Sicilia, impossibile avere i dati (che dovrebbero essere pubblici): il direttore dell’Usr Stefano Suraniti ha deciso di parlare solo dopo l’ok del ministero.

L’idea di una scuola in presenza per tutto l’anno comincia a scricchiolare. Persino il ministro Patrizio Bianchi sembra essersi rassegnato tornando, agli Stati Generali della Scuola digitale, ad elogiare la dad: “Il Covid ha imposto la capacità di usare il digitale. Ma è partita l’onda irrazionale di caccia alla strega della dad. Credo che noi con coscienza e scienza dobbiamo essere attenti nel capire cosa è successo e come potere andare avanti. L’alternativa alla dad era l’assenza”.

In tutt’Italia è allerta, il virus non risparmia le scuole. Anzi. Tra i banchi, rispetto allo scorso anno è aumentato. Dati alla mano dell’Istituto superiore di sanità tra il 1 settembre 2020 e fine ottobre dello scorso anno e del 2021 si registra nel 2021 il 15,3% (+ 7.022) in più di contagi tra i bambini e i ragazzi di 0-19 anni. Nel dettaglio lo scorso anno con l’inizio delle lezioni i casi tra i piccoli da 0 a 9 anni erano stati di + 14.678 mentre quest’anno sono + 25.096. Tra i ragazzi tra 10 – 19 anni i casi nel 2020 erano aumentati do + 32.367 mentre quest’anno sono incrementati di + 27.971.

Numeri che vanno di pari passo con le quarantene e lo svuotamento delle aule. In Lombardia i più colpiti sono i bambini della primaria: tra i 6 e i 10 anni l’incidenza è di 276 contagi mentre la scorsa settimana era di 157. Al 21 novembre nella regione guidata da Attilio Fontana, erano 15.305 gli studenti a casa. Se guardiamo a Milano, si è tornati ai livelli di fine febbraio, inizio marzo del 2020 con 539 classi (9.886 allievi) a casa. Anche in Piemonte – secondo i dati forniti dalla Regione – sono le primarie a soffrire maggiormente con 98 classi in dad; seguono le medie (67 classi); le superiori (48) e infine l’infanzia dove solo 34 sezioni sono a casa.

Diversa la situazione in Friuli Venezia Giulia. Osservando i numeri forniti dall’Usr scopriamo che alle superiori in sette giorni si è passati da 286 casi di quarantena a 502 mentre alla primaria e alle medie sono persino calati. In Campania, intanto, è già scoppiata la polemica. La Regione vuole fermare le lezioni almeno per trenta giorni a partire dalla festa dell’ Immacolata a fronte dell’aumento dei casi ma presidi e genitori non sono per nulla d’accordo. I prossimi giorni la tensione è destinata ad alzarsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se fossi una guerra punica, un po’ mi offenderei

next
Articolo Successivo

Marcia indietro del governo sulla didattica a distanza: si tornerà in quarantena con un solo positivo in classe. “Troppi casi per tracciare”

next