Calano, come di consueto dopo il fine settimana, i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Secondo i dati raccolti dal ministero della Salute, sono 1.597 le persone risultate positive ai test, contro le 2.437 della giornata precedente. Questo a fronte, però, di un netto calo del numero dei tamponi processati: sono 219.878 i test effettuati nell’ultima giornata, contro i ben 381mila di 24 ore prima. Numeri che comunque mantengono il tasso di positività stabile, allo 0,7% contro lo 0,6% del giorno precedente. In aumento invece le vittime che passano dalle 24 di ieri alle 44 di oggi.

Il numero dei dimessi e guariti rimane comunque più alto dei nuovi contagi registrati, con 2.756 persone che si sono negativizzate rispetto al giorno precedente. Questo ha permesso un ulteriore calo degli attualmente positivi, con 1.206 malati in meno, per un totale di 76.363. Questo calo non coincide però con una diminuzione delle persone ricoverate nei reparti Covid italiani, complice anche il fatto che nel fine settimana le dimissioni dei pazienti sono limitate. In terapia intensiva si trovano al momento 358 persone, 9 in più rispetto a ieri e con 26 entrate in totale. Negli altri reparti Covid, invece, si trovano 2.428 pazienti, rispetto a ieri sono 42 in più.

Analizzando i dati regione per regione si nota che nell’ultima giornata, in numeri assoluti, quella più colpita è la Sicilia con 260 contagi. Seguono l’Emilia-Romagna con 209, il Lazio con 202, la Campania con 158 e la Toscana con 145.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Green pass, le pressioni dei No vax sui medici di base: “Vogliono l’esenzione dal vaccino. A volte hanno il supporto di studi legali”

next