Si chiude la campagna elettorale a Roma, dove domenica 17 e lunedì 18 si voterà al ballottaggio per decidere il nuovo sindaco. Da domani e fino a lunedì scatterà il silenzio elettorale. Il candidato del Pd, Roberto Gualtieri, ha scelto Piazza del Popolo per lanciare l’ultimo appello agli elettori. “È un voto storico, noi siamo pronti. La mia giunta sarà di grandissima qualità e da lunedì mi metterò al lavoro dal primo minuto e in tempi rapidi donerò una grande squadra per una grande città”. Quasi in contemporanea il comizio a Campo de Fiori dello sfidante Enrico Michetti, sostenuto dal centrodestra. Sul palco con lui anche Giorgia Meloni. “Le elezioni sono state mortificate dal fatto che si è dovuto parlare molto di vicende di carattere nazionale” ha detto ai cronisti. E poi dal palco, chiudendo l’intervento sulle note dell’inno nazionale: “Oggi è come il 1948, pensavano di aver già vinto e invece hanno perso le elezioni perché in quel momento era giusto che vincesse la libertà. Crediamoci fino all’ultimo perché ci andiamo a riprendere il Campidoglio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Roma, la fanta-giunta di Enrico Michetti: “Ecco perché sceglierei Giulio Andreotti e la Sora Lella” – Video

next
Articolo Successivo

Ballottaggio Torino, il M5s post Appendino va in ordine sparso: tra destra e sinistra, rischia di vincere il partito dell’astensione

next