di Roberto Del Balzo

Come ci siamo arrivati a questo punto? Chiudendo gli occhi si sentono solo discorsi senza contenuto in cui è difficile capire di chi sia la voce. Politici, opinionisti e influencer parlano e annegano soffocati dalle loro stesse parole reiterate come un mantra ipnotico.

Un coacervo di personaggi che non possiamo fare a meno di sentire, leggere e vedere si accusano tutti della stessa cosa a prescindere dal colore politico: ormai sono tutti populisti, buonisti, qualunquisti, sovranisti oppure élite, casta e chi ne ha più ne metta. Con gli occhi chiusi non si distingue più da dove arrivano questi ragionamenti ad alta voce così vuoti e recitati con finta passione, dichiarazioni che sembrano selle lucidate da mettere sul dorso del cavallo favorito ovvero l’argomento inutile fatto diventare bandiera da sventolare e piantare prima degli altri nel terreno atrofizzato dove la critica diventa sempre più un esercizio faticoso da realizzare.

Sono discorsi che diventano ossessione (che, va da sé, è peggio della malattia) pronunciati con forza dal bordo di qualche abisso della schizofrenia oppure con la pacatezza di chi si dichiara dalla parte delle persone. Come ci siamo arrivati a questo punto? Già, perché mentre l’anestetico inoculato più del vaccino, ovvero i sermoni mielosi di politici, opinionisti e influencer sulla tutela dei diritti di tutte le diversità, sulla genuflessione dei calciatori e via discorrendo ci ha portato a una nuova dottrina buona e giusta, nel nostro amato Sud gli ombrelloni si aprono solo in spiaggia e i braccianti muoiono inceneriti sotto il sole a 27 anni per far mangiare all’ecorockstar e a tutti noi la verdura che fa tanto bene alla salute.

Come ci siamo arrivati a questo punto dove il politico vuole fare l’influencer, l’influencer il politico e l’opinionista si danna l’anima per essere entrambe le cose? La bandiera dei diritti che tutti sventolano è piantata nel terreno atrofizzato, quello che nasconde le garanzie, almeno quella di non morire sotto un cielo limpido che fa bruciare l’aria a più di 40 gradi dove qualcuno lavora a 6 euro all’ora.

Ma si sa, meglio parlare di cose che piacciono alla gente che piace, sempre dopo un bel piatto di pomodori baciati dal sole e raccolti da chi, magari, sotto quel sole ci ha lasciato la vita.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Debby Roller team di Ladispoli: dove trovare una reale inclusione con il pattinaggio a rotelle

next