Il fiuto finissimo di un cane addestrato a riconoscere l’odore di una persona positiva al coronavirus, per sostituire un test rapido o un tampone molecolare. Dopo ‘l’imprinting’ di alcune settimane, in cui l’animale impara, su campioni di sudore di positivi e negativi, a percepire con l’olfatto la differenza, gli addestratori gli insegnano a sedersi per indicare la positività. Le prime prove, con sette cani tra cui labrador retriever bracchi e meticci, sono incoraggianti. Prima di avere il ‘valore’ di tampone, precisa la coordinatrice del progetto “C19-Screendog” Maria Rita Rippo, docente dell’Università politecnica delle Marche e presidente del corso di laurea in infermieristica sede di Macerata, saranno necessari test su un migliaio di persone e il confronto con il rispettivo test molecolare, per confermarne l’attendibilità

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, “gli anticorpi potrebbero durare per la maggior parte della vita”. Lo studio in Usa: “Anche i vaccini avranno lo stesso effetto”

next
Articolo Successivo

Jeff Bezos sarà a bordo del primo volo in orbita della sua società spaziale, la Blue Origin: “Lo sogno da quando avevo 5 anni”

next