A Palermo gli uffici giudiziari e gli ambienti della magistratura sono a lutto. Nella notte, infatti, è morto Vincenzo Mineo, 69 anni, ex cancelliere dell’ufficio istruzione del tribunale: è stato stroncato stamane da un malore improvviso. Mineo è stato il primo ad avere le chiavi dell’aula bunker dell’Ucciardone, costruita appositamente per celebrare il primo maxiprocesso alla mafia. Il cancelliere era la memoria storica di quell’evento giudiziario, che ha raccontato anche durante alcuni documentari televisivi (l’ultimo è Maxi + 25, anatomia di un processo su Rai Storia).

Dirigente della cancelleria della corte d’assise di Palermo, Mineo era in pensione dal luglio 2018. Per anni è stato un punto di riferimento per i cronisti giudiziari che seguivano l’attività dell’ufficio istruzione dove lavoravano Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e della corte che celebrava il maxiprocesso. Sono numerosi i messaggi di cordoglio per l’improvvisa scomparsa del funzionario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino, Galli: “Senza aggiornamenti sulle varianti principali, impossibile avere l’immunità di gregge”

next
Articolo Successivo

Coprifuoco, maggioranza e Regioni spingono per spostarlo alle 23. Iv si accoda alla Lega: “Bisogna abolirlo, presenteremo una mozione”

next