Piazzano un ordigno rudimentale davanti al suo negozio e lo fanno esplodere, con l’obiettivo di intimidirla. I carabinieri di Sesto San Giovanni, stamattina, hanno dato esecuzione a un ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di due giovani, ritenuti responsabili dei reati di minaccia, danneggiamento e porto di materiale esplodente. Il 15 maggio scorso, secondo gli inquirenti, i due avevano fatto deflagrare una bomba carta di fronte alla vetrina di un salone di parrucchiere. Il movente del gesto intimidatorio risiede nella deposizione che, nel successivo mese di giugno, la titolare dell’esercizio avrebbe dovuto rendere in qualità di testimone nell’ambito di un procedimento penale che vede i due arrestati imputati per il reato di lesioni personali aggravate ai danni di due coetanei, per fatti accaduti nel 2018 a Milano in presenza della donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il camion in bilico sul tetto dei garage: la foto. L’intervento dei vigili del fuoco

next
Articolo Successivo

Riaperture, verso il giallo “rafforzato” dal 26 aprile: sì a ristoranti aperti fino a cena, sport e spettacoli all’aperto. Il coprifuoco resta alle 22

next