Calano, come di consueto nel fine settimana, i nuovi contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 19.611 positivi, contro i 23.839 di ieri. Numeri registrati a fronte di 272.630 tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore, contro i 357.154 di ieri. Il tasso di positività sale così al 7,2%, facendo registrare un +0,6% rispetto al 6,6% di ieri. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, sono invece 297 le vittime in un giorno, contro le 380 di ieri, per un totale dall’inizio della pandemia di 107.933.

Sono 17.950 le persone guarite nell’ultima giornata, un numero non ancora sufficiente però a impedire la crescita degli attualmente positivi in tutto il Paese. Le persone malate aumentano infatti di 1.357, con il totale che sale così a 573.235 . Continua così a crescere anche il numero di posti letto occupati nei reparti Covid italiani. Sono 3.679 i pazienti in terapia intensiva, 44 più di ieri, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 217 (ieri erano stati 264). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.701 persone, in aumento di 80 unità rispetto a ieri.

Entrando nello specifico dei dati locali, si nota che la Lombardia rimane la Regione più colpita anche oggi, con 3.520 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. Le altre regioni che fanno registrare i numeri più alti sono l’Emilia-Romagna con 2.137 casi, la Campania con 2.095, il Lazio con 1.836 e la Puglia con 1.788.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Lombardia chiude alcuni centri vaccinali nel Cremonese: mancano le dosi. I sindaci: “Un errore. È dovuto al passaggio da Aria a Poste”

next
Articolo Successivo

Vaccini, in Veneto ogni azienda sanitaria va per conto suo. A Treviso Zaia sperimenta dosi senza prenotazione. Risultato: anziani accalcati in fila e zero distanziamento

next