Lunedì 8 regioni saranno in zona arancione, mentre tutte le altre dovranno convivere con le limitazioni imposte dalla zona rossa, che in Puglia si è fatta anche “rafforzata” già da due giorni. Martedì ci sarà già un cambio di colore, quello del Lazio, che lascerà il rosso per transitare in arancione. Fino al 2 aprile sarà valido il sistema a fasce di colore, poi dal 3 al 5 aprile tutta l’Italia sarà zona rossa. Per cinque giorni quindi, in alcune regioni ci saranno maggiori libertà – dai negozi aperti alla possibilità di vedere parenti e amici nelle case, sempre massimo in due – prima del ‘blocco’ imposto nei giorni delle festività pasquali. Il 7 aprile, poi, entrerà in vigore il nuovo decreto del governo valido fino al 30 aprile che ha confermato, al momento, le misure già in vigore, compresa l’impossibilità di entrare in zona gialla anche se i parametri dovessero consentirlo.

Chi è in arancione e chi in rosso
In base all’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza da lunedì transitano in zona rossa interessa Valle d’Aosta, Calabria e Toscana che vanno ad aggiungersi ad Emilia-Romagna, Lombardia, Campania, Veneto, Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Trento e Puglia, che per effetto di un’ordinanza regionale ha varato misure ancora più dure. In arancione invece Abruzzo, Basilicata, Liguria, Molise, Bolzano, Sardegna, Sicilia, Umbria e, da martedì, il Lazio.

Le regole in arancione dal 29 marzo al 2 aprile (e il 6)
I negozi sono aperti, mentre restano chiusi bar e ristoranti, ai quali è consentito l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio. Possibile anche andare massimo in 2 da parenti e amici, ma solo all’interno del proprio comune di residenza. Sono infatti vietati gli spostamenti tra comuni. Riaprono anche le scuole (fino alla terza media). Tutte queste novità, come detto, interesseranno anche il Lazio, ma da martedì 30.

Le regole in zona rossa dal 29 marzo al 2 aprile (e il 6)
I negozi saranno chiusi, così come bar e ristoranti, ai quali sarà consentito solo l’asporto fino alle 18 per i bar e fino alle 22 dai ristoranti. Libera la consegna a domicilio. Molte le restrizioni sugli spostamenti: sono infatti vietate le visite a parenti e amici, è possibile uscire da casa solo per motivi di lavoro, salute e urgenza, si può fare attività motoria solo nelle vicinanze della propria abitazione ed è consentito fare sport individuale all’aperto.

Italia zona rossa dal 3 al 5 aprile: tutte le regole
Come accaduto per Natale, nei giorni festivi tutta l’Italia sarà in zona rossa. Ma rispetto alle consuete misure di questa fascia, ci saranno alcune deroghe. Fermo restano il divieto di uscire da casa, alle consuete eccezioni – lavoro, salute ed emergenza – si aggiunge la possibilità di fare visita a parenti e amici, massimo in due adulti e un minore di 14 anni, e di spostarsi verso le seconde case (ma alcune regioni hanno proibito quest’ultima possibilità). Negozi, bar e ristoranti resteranno chiusi. Sarà consentito solo l’asporto fino alle 18 per i bar e alle 22 per i ristoranti ed è sempre consentita la consegna a domicilio.

Le limitazioni regionali dal 29 marzo
Alcune regioni hanno deciso di varare delle strette ulteriori per gli spostamenti, sia per i non residenti che per i residenti. In Alto Adige, ad esempio, è vietato spostarsi nelle seconde case se non si è residenti. Un limite che la Campania e la Puglia hanno esteso anche ai residenti. In Toscana e Valle d’Aosta sarà inoltre proibito l’ingresso ai non residenti. Stessa decisione presa anche dalla Sardegna, che ha rafforzato la misura inserendo l’obbligo di un tampone negativo effettuato massimo 48 prima (stesso discorso per la Sicilia) o il certificato di vaccinazione. La Puglia ha inoltre disposto una serie di misure già in atto sui negozi, che devono chiudere alle 18, e sull’asporto, consentito solo su prenotazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Bassetti a La Confessione di Peter Gomez: “Io ministro della Salute? Se mi avesse chiamato Mario Draghi sarei andato di corsa”

next
Articolo Successivo

Un’altra Settimana Santa all’insegna delle restrizioni a causa della pandemia. Francesco: “L’anno scorso scioccati, oggi siamo provati”

next