VALERIO MAZZEI RACCONTA L’AMORE ADOLESCENZIALE

Lungotevere” è il terzo singolo di Valerio Mazzei che in molti conoscono per far coppia con l’amico Edoardo (in arte Sespo) su YouTube con il nome d’arte Valespo. Una canzone semplice e pop onesta, una ballad che racconta un amore – che poi è anche amicizia – che nasce e vive tra le vie di Roma, da qui il titolo “Lungotevere”. “È il racconto della mia prima storiella d’amore adolescenziale, la prima relazione, il primo appuntamento – racconta a FqMagazine -. La musica è quello che mi piace fare perché non devo obbligare nessuno a partecipare. Con Sespo siamo amici ma abbiamo anche interessi diversi. Sono abbastanza timido e la musica esprime quello che provo”. Giudizio: Aspirante popstar Voto: 7

MATTEO ROMANO E IL BOOM SU TIKTOK

Partiamo da un numero secco: “Concedimi” ha quasi 15 milioni di stream su Spotify ed è già certificato disco d’oro. Risultati eccezionali per il 18enne Matteo Romano di Cuneo. Qualche secondo del brano è stato caricato a giugno su TikTok, poi è stato condiviso da diversi creator via via fino al boom a settembre-ottobre e lo sbarco a novembre su Spotify. “Concedimi l’ho scritta in camera dopo il primo lockdown al pianoforte e il prossimo singolo sarà su quel filone – ci rivela Matteo -. Sono sonorità abbastanza semplici, classiche ma cerco di restare legato alla sfera contemporanea”. Matteo frequenta l’ultimo anno del liceo classico e pensa già di iscriversi a Scienze della comunicazione: “La musica resta il mio primo obiettivo, vediamo cosa accadrà. Io ad un talent? Troppo competitivo per uno come me e visti i risultati di ‘Concedimi’ credo che non ce ne sia bisogno. Piuttosto meglio partecipare a un Festival di Sanremo. Un palco meraviglioso e importante”. Ascoltatelo bene e non lasciatevi ingannare dal mondo di Ultimo perché Matteo naviga altrove. Giudizio John Legend all’italiana Voto 8-

SANTACHIARA È UN VERO SPIRITO LIBERO

Vi consigliamo di ascoltare “Sette Pezzi – Frammenti”… Anzi ascoltatelo subito se no che ci stiamo a fare qui? È il disco di debutto del 23enne Santachiara, vero nome Luigi Picone. Non è possibile racchiudere il cantautore con una etichetta, i nove brani sono diversi tra loro e sorprendenti dal rap al rock, al pop. “Ho voluto da subito non legarmi a un canone – ci racconta Santachiara -. Ascolto moltissima musica dal cantautorato alla musica popolare siciliana e napoletana. Da queste opere ho imparato che sono importanti la libertà e la creatività oltre che l’innovazione. È molto difficile convincere le persone perché sembra che oggi la priorità sia avere una identità ed essere riconoscibile. La gente si è stufata delle certezze. Io a Sanremo? Quest’anno non avevo la canzone giusta, ma mi piacerebbe molto andare”. Non crediamo ci sia da aggiungere altro, sposiamo la causa. Giudizio: Spirito libero Voto: 9

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

#libridimusica – ‘Coltivo una rosa bianca’: critica musicale purissima

next
Articolo Successivo

L’ultimo album dei Foo Fighters non lascerà il segno. Spero di ritrovarli presto…

next