Sono 10.593 i nuovi contagi da coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in Italia, in lieve aumento rispetto ai circa 8mila di ieri. Allo stesso tempo, però, sono cresciuti i test molecolari e antigenici: ne sono stati effettuati 257.034, lunedì erano appena 143mila. Il tasso di positività scende quindi al 4,1% (ieri era al 5,98%). Il bollettino del ministero della Salute registra però altri 541 decessi. I ricoveri invece tornano a calare: rispetto a ieri, ci sono 69 persone in meno in area medica, mentre scendono di 49 unità i posti letto occupati in terapia intensiva da pazienti Covid. Ci sono stati 162 nuovi ingressi, ma anche 211 dimissioni. Gli attualmente positivi nel nostro Paese restano ancora 482.417, a fronte di 19.256 guariti nelle ultime 24 ore.

I numeri dei contagi fotografano una situazione sostanzialmente invariata rispetto a sette giorni fa: il tasso di positività è identico a martedì 19 gennaio, quando i nuovi positivi erano vicini a quota 10.500 e i test effettuati (sempre compresi i rapidi) erano di poco inferiori a quelli processati nelle ultime 24 ore. Le notizie positive arrivano dalla situazione degli ospedali: ci sono 1.314 persone in meno ricoverate in area medica e 115 posti letto in meno occupati in terapia intensiva. Continua però a rimanere alto il numero dei decessi giornalieri: sono negli ultimi giorni ci sono stati altri 3.265 morti, significa più di 460 ogni 24 ore.

A livello regionale, solo Lombardia e Lazio registrano oggi più di mille nuove positivi. Mentre il Veneto resta la Regione con il maggior numero di decessi accertati: sono 93 nelle ultime 24 ore. In Sicilia e in Puglia, invece, aumentano seppur di poco i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva: rispettivamente +2 e +11. Tornando ai contagi, la Lombardia comunica 1.230 nuovi casi, in Lazio sono 1.039. Seguono la Puglia (995), l’Emilia-Romagna (993), la Campania (976) e la Sicilia (970). In Veneto e Piemonte invece i nuovi positivi di oggi sono 746 e 728. Chiude la classifica odierna la Valle d’Aosta con appena 2 casi, ma anche 317 test processati.

In base ai dati del bollettino del ministero della Salute, i casi totali da inizio pandemia sono ora 2.485.956, i morti 86.422. Sono invece in totale 1.917.117 i pazienti dimessi o guariti. In isolamento domiciliare ci sono 458.690 (-9.095 rispetto a ieri). In totale in rianimazione ci sono 2.372 persone. Nei reparti ordinari sono infine ricoverati 21.355 pazienti.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monoclonali, conferma per quelli di Latina: “Riducono il rischio di morte del 70 per cento” Burioni e Bassetti: “Basta perdere tempo”

next
Articolo Successivo

Sanofi produrrà 100 milioni di dosi di Pfizer nel 2020: “In ritardo con il nostro vaccino, volevamo renderci utili per uscire da crisi”

next