“Una campagna vaccinale così imponente ha e avrà altri intoppi di carattere organizzativo, produttivo e distributivo. Il V-day ha creato aspettativa, ma si sapeva che era un momento simbolico”, così Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Galeazzi di Milano, commenta i ritardi nell’arrivo dei vaccini Covid di Pfizer BionTech. Pregliasco sottolinea che, in ogni caso, aver avuto dei vaccini in un solo anno, “è inusitato”, quindi è ovvio che produzione e distribuzione, “vanno oliate”. “Non abbiamo alternative (al vaccino Pfizer ndr.). Siamo con il fiato sospeso per governare al meglio quella che può essere la gestione della seconda dose secondo la tempistica giusta”, continua Pregliasco, sottolineando che in una fase iniziale “problematiche di produzione e distribuzione andavano considerate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ritardi anche per il vaccino di AstraZeneca-Oxford: “Problemi di produzione. Consegne ridotte del 60% nel primo trimestre”

next
Articolo Successivo

Lombardia, Letizia Moratti: “Nessuna rettifica”. Boccia: “Dati cambiati dalla Regione, Fontana sa come sono andate le cose”

next