Tra le cose che un governo non dovrebbe mai fare e un presidente del Consiglio mai dire è l’annuncio della riforma della legge elettorale. Le regole del gioco deve deciderle il Parlamento. Punto. Il governo deve fare da spettatore neutrale. Punto. Ricordiamo tutti la stagione del Porcellum, il sistema col quale il governo Berlusconi organizzò la sua resistenza al comando del Paese. Ricordiamo che per raggiungere lo scopo fu chiesto a Roberto Calderoli, il ministro delle Riforme, di organizzare una trappola, un sistema di voto che aiutasse gli uni a danno degli altri. E disciplinatamente il ministro leghista eseguì l’operazione truffa e candidamente confessò di aver fatto una “porcata”, con l’aiuto e la connivenza di parecchi tra coloro che allora erano all’opposizione.

Non è certo questo l’intento dell’esecutivo, e ciò nonostante l’idea che debba essere il premier a proporre al Parlamento le regole con le quali andare al voto non sembra affatto una buona idea. Annunciare, pur nel giubilo dei tanti che in Parlamento attendono speranzosi, che è ora di ritornare al sistema proporzionale significa annullare anche la riflessione su ciò che l’Italia per decenni ha sperimentato e per decenni ha contestato.

Se è vero che l’avvento di una terza forza (i Cinquestelle) ha rotto lo schema bipolare e reso inapplicabile il maggioritario, bisognerebbe sempre ricordare che ciò che stiamo provando oggi con l’addio di Italia Viva e l’apertura della crisi, col proporzionale lo proveremmo sicuramente – soprattutto se il nuovo sistema non avesse correzioni – domani e dopodomani. Con questo o un altro governo. Il proporzionale rende pieno il criterio della rappresentanza ma danneggia quello della governabilità. Dà voce a tutte le istanze ma aumenta la capacità interdittiva, a volte unicamente ostruzionistica e/o ricattatoria delle forze minori. Tutti coloro che si sentono ago della bilancia faranno valere il diritto di decidere a chi la bilancia debba dare più peso.

Detto ciò, sarebbe meglio che a nessuno venisse in mente di cucirsi addosso la legge per vincere le elezioni, anche perché, è storia recente, poi il sarto, che sarebbe il Parlamento, non sempre si rivela all’altezza con le forbici.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La minuscola casa di Macaluso, solo libri e idee: il simbolo della distanza siderale tra la classe dirigente di prima e quella di oggi

next
Articolo Successivo

Letizia Moratti, la manager nata con il tailleur: già due strafalcioni da assessore, ma le critiche arrivano timide e sottovoce

next