Il caso di Tiziana Cantone, la 31enne trovata senza vita il 13 settembre 2016, non si è ancora del tutto chiuso. Saranno depositati alla Procura di Napoli Nord i dati, inclusi i contatti telefonici e le attività internet, ottenuti dall’accesso agli account della ragazza i cui video privati erano finiti su internet a sua insaputa. I contenuti erano stati cancellati dall’Ipad e dall’Iphone mentre i due apparecchi erano in custodia della polizia giudiziaria (carabinieri) che indagavano sulla sua morte. Sulla cancellazione dei dati è stata aperta un’inchiesta per frode processuale.

L’accesso agli account di Tiziana è stato ottenuto dagli esperti dell’Emme-Team, il gruppo di studi legali con sede a Chicago che assiste da oltre un anno Teresa Giglio (la foto), la madre di Tiziana; le indagini difensive hanno permesso finora non solo di far aprire alla Procura (sostituto procuratore Giovanni Corona) il fascicolo per frode processuale (19 le “anomalie” accertate dall’Emme-Team che avrebbero ridotto i due device ad una tabula rasa), ma anche di ipotizzare un nuovo scenario circa la morte di Tiziana, classificata da subito come suicidio. Per l’Emme-Team, di cui fa parte anche il difensore della Giglio, Salvatore Pettirossi, Tiziana sarebbe stata vittima di un omicidio.

La prova sarebbe nella pashmina che la ragazza avrebbe usato per impiccarsi; sul foulard, dissequestrato a novembre su richiesta del legale della Giglio, sono state infatti rinvenute tracce biologiche maschili, oltre a quelle di Tiziana e della zia, che per prima trovò il corpo della ragazza e le sfilò subito la pashmina che le stringeva il collo. Tale risultanze sono state prodotte alla Procura, che dovrà decidere si riaprire una nuova indagine per omicidio dopo l’archiviazione di quella per istigazione al suicidio. Intanto l’ufficio inquirente avrà a disposizione del materiale ritenuto rilevante dalla famiglia per l’indagine sulla frode processuale e per scandagliare la vita di Tiziana prima della morte; l’accesso agli account – che Emme Team ha ottenuto da Apple e dalle società proprietarie dei social network, come Facebook, Instagram e Twitter – ha infatti portato alla luce non solo i nomi di tutte le persone con cui Tiziana Cantone era in contatto, ovvero la rubrica telefonica con al suo interno tutti i contatti telefonici e whatsapp, ma anche le prove certificate delle manomissioni avvenute, includendo tra le prove scoperte il numero di telefono dello smartphone usato per l’accesso non autorizzato e la geo-localizzazione di dove ciò è avvenuto. Nei mesi scorsi, grazie al sistema di identificazione di Emme-Team ribattezzato “metodo Cantone”, sono stati scoperti e denunciati oltre cento presunti responsabili della diffusione dei video privati di Tiziana; quel metodo è ora utilizzato da molte polizie giudiziarie in Italia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palacinema Venezia, procura della Corte di conti chiede i danni a due ingegneri. E c’è anche De Santis già condannato per appalti G8

next
Articolo Successivo

Filmati di minori abusati e inni a Hitler, indagati 12 ragazzi: alcuni hanno tra i 13 e i 17 anni

next