Ucciso da un carrello mentre stava lavorando in prossimità del binario. Incidente mortale sul lavoro stamattina vicino alla stazione ferroviaria di Jesi (Ancona). Un operaio di 55 anni, originario di Afragola (Napoli), secondo la prima ricostruzione è stato travolto dal mezzo carrello. La vittima, lavorava per la ditta Cmc (Centro Meridionale costruzioni) di Casoria (Napoli) che sta eseguendo lavori di restyling nella zona e abbattimento di barriere architettoniche per conto di Rfi. Sul posto i sanitari del 118 e la Polfer. La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio della polizia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, la chiusura dei musei civici diventa un caso: dall’articolo di ‘Le Figaro’ alla raccolta firme. Il sindaco Brugnaro non arretra

next
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: “A novembre +63mila occupati e la disoccupazione cala sotto il livello di febbraio. Ma aumentano gli inattivi”

next