Addio a Marco Formentini. Il primo e unico sindaco eletto dalla Lega a Milano è morto nel capoluogo lombardo a 90 anni. Ne dà notizia Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale della Lombardia. “Mi giunge questa dolorosa notizia, è venuto a mancare Marco Formentini, ho un ricordo particolare, nel 1993 fummo eletti insieme lui a Milano e io a Mantova. Bei tempi, tempi eroici ed epici”, scrive su facebook l’ex esponente del Carroccio. Formentini era malato da tempo.

Nato a La Spezia nel 1930, da ragazzino partecipa alla Resistenza come vedetta partigiana. Trasferitosi con la famiglia in Beglio nel Dopoguerra, si stabilisce a Milano nel 1958. Laureato in giurisprudenza, dirigente d’azienda, negli anni ’70 diventa un esponente del Psi, che però abbondona alla fine del decennio. Poi negli anni ’90 aderisce alla Lega, che nel 1992 lo elegge in Parlamento. Nei mesi tormentati di Tangentopoli, Formentini è il capogruppo del Carroccio alla Camera. Nel 1993 viene eletto sindaco di Milano, il primo non socialista da 1967, dopo aver battuto Nando Dalla Chiesa, candidato del centrosinistra.

Di quella tornata elettorale resta impresso nella memoria politica cittadina il gesto di Umberto Bossi, che la notte degli exit poll si affacciò su un balcone in piazza Duomo insieme al neosindaco, fissando lo sguardo sul civico 19, cioè la storica sede del Psi a Milano. Formentini fu anche europarlamentare per dieci anni, non tutti con la Lega: nel 1999, infatti, lasciò il Carroccio polemizzando con le rivendicazioni indipendentiste padane e passò con i Democratici di Arturo Parisi. Poi nel 2004 si ricandidò a Bruxelles con l’Ulivo ma non venne eletto. Entrò nella Margherita a partecipò alla nascita del Partito democratico: alle primarie del 2007 sostenne Rosy Bindi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi di governo, Renzi: “Conte vuole contarsi in Parlamento? Accettiamo la sfida”. Senza Iv al Senato mancano 8 voti per la maggioranza

next
Articolo Successivo

Conte sempre in cima ai consensi non può farsi logorare da chi non ha niente da perdere

next