Nelle ultime 24 ore sono 34.283 i nuovi casi di coronavirus accertati e 753 i malati di Covid-19 morti. I casi di positività sono stati rintracciati tra i 234.834 tamponi processati (14,59% l’incidenza, ieri 15,4), di cui 124.237 per test diagnostico (27,59%, ieri 28). Martedì i nuovi casi erano stati 32.191 (208mila i tamponi) e i decessi 731. Sempre rispetto al bollettino precedente sono 58 in più i posti letto occupati in terapia intensiva (3.670 in totale) e 430 in più i ricoverati con sintomi nei reparti Covid (33.504).

Tra lunedì è mercoledì i nuovi positivi sono stati 93.827, la scorsa settimana negli stessi tre giorni erano stati 93.330, mentre due settimane erano 81.047 e tre settimane fa 63.997. Un dato – da confermare nei prossimi giorni – che inizia a indicare una tendenza all’appiattimento della crescita su base settimanale. In leggera flessione il tasso di positività sui tamponi totali, passato dal 15,8 al 15,7%, mentre continua a crescere il rapporto tra contagi e totale dei casi testati che sale dell’1,5% dal 27,1 al 28,6%. In aumento anche i decessi: 1.988 le persone decedute negli ultimi tre giorni, 429 in più delle vittime registrate da lunedì e mercoledì della scorsa settimana (1.559).

In Lombardia, la regione più colpita dal contagio, sono 7.633 i positivi rintracciati su 15.780 test diagnostici, in flessione rispetto a martedì e anche rispetto a mercoledì scorso (8.180 ma con ben 11mila tamponi in più). Frena soprattutto la provincia di Milano (2.565) e la città (675). Resta tuttavia altissima la percentuale di tamponi positivi tra i casi testati, sempre oltre il 48%. Le altre regioni maggiormente colpite sono la Campania (3.657) e il Piemonte (3.281). Oltre 2mila nuovi positivi si registrano in Veneto (2.972), nel Lazio (2.866), in Toscana (2.508) ed Emilia-Romagna (2.371). Superano i mille contagi nell’arco di 24 ore, invece, la Sicilia (1.837) e la Puglia (1.368). Solo Valle d’Aosta (87) e Molise (99) hanno meno di cento casi. I nuovi infetti sono infatti 936 in Calabria, dove il numero rappresenta il record da inizio pandemia, 796 in Friuli Venezia Giulia, 775 in Liguria, 641 in Abruzzo, 581 in Provincia di Bolzano, 501 in Umbria, 479 nelle Marche, 422 in Sardegna, 237 in Basilicata e 236 in Provincia di Trento.

Da inizio pandemia i contagi accertati diventano quindi 1.272.352. Di questi 481.967 sono stati dimessi o sono guariti (+24.169), mentre il nuovo tragico conteggio dei morti porta il computo totale delle vittime di Covid-19 a 47.217 da febbraio ad oggi. Gli attualmente positivi sono 743.168: in 705.994 sono in isolamento domiciliare, mentre i restanti 37.174 si trovano in ospedale, tra reparti Covid (33.504) e terapia intensiva (3.670).

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ambulanze in coda nella notte davanti al pronto soccorso di San Giovanni Rotondo: la video-testimonianza di un soccorritore

next
Articolo Successivo

Rsa, la Lombardia annuncia rimborsi per costi extra di gestione Covid. “Solo parziali così si rischia che aumentino le rette”

next