In 59 a un pranzo di battesimo nonostante le norme anti-Covid lo vietino espressamente. È quanto successo domenica scorsa a Carmagnola, in provincia di Torino: i partecipanti sono stati tutti identificati e multati dai carabinieri, assieme anche al titolare del locale. Secondo quanto ricostruito, dopo la cerimonia in chiesa, il gruppo si era ritrovato in un ristorante della zona per festeggiare con un pranzo: la cosa però non è passata inosservata e così sono scattate subito le indagini, che hanno portato all’identificazione dei presenti e alle sanzioni amministrative previste per legge. Secondo quanto riferito da Repubblica Torino, il ristoratore aveva accettato la prenotazione nonostante fosse vietata dalle disposizioni dell’ultimo dpcm. A lui è stata comminata una multa di mille euro.

Quello di Carmagnola non è il primo caso. Nello scorso weekend, nell’ambito di controlli finalizzati al contenimento della diffusione la Guardia di Finanza di Napoli ha disposto la chiusura per 5 giorni a due ristoranti dopo aver constatato la presenza, in quattro distinte cerimonie (tre prime comunioni e un battesimo) di circa 120 invitati. I due titolari sono stati sanzionati. Complessivamente, tra venerdì e domenica, sono state controllate 551 persone e 137 attività commerciali e sono state emesse 23 sanzioni (riguardanti violazioni per il contenimento della diffusione del Covid-19, denunce all’Autorità Giudiziaria per altri illeciti e segnalazioni al Prefetto). A Nola, invece, i finanzieri hanno scoperto che in un panificio non era stato installato il termoscanner per la rilevazione della temperatura dei clienti e che una dipendente non utilizzava la mascherina

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, sassi bastoni e calci contro le forze dell’ordine: così un gruppo di ragazzi reagisce a un controllo anti-Covid. Il video

next
Articolo Successivo

Covid, Ilaria Capua su La7: “Nuvoloni all’orizzonte, i contagi sono in aumento. E’ il momento di essere proattivi e non più passivi”

next