Oltre duemila persone sono state evacuate ieri da alcuni villaggi nella regione russa di Ryazan, a sud-est di Mosca, a causa dell’esplosione di un deposito di munizioni in cui sono rimaste ferite cinque persone. Lo ha reso noto il ministero delle Emergenze.
Secondo quanto riporta il Guardian, l’esplosione è stata provocata da un incendio di erba secca in un campo vicino. Nel deposito c’erano 75mila tonnellate di munizioni. Più di 400 vigili del fuoco sono al lavoro per domare le fiamme. Sul posto è giunto anche il ministro delle Emergenze, Yevgeny Zinichev

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Harris-Pence, nel dibattito le riserve fanno meglio dei titolari. Ma nessuno dei due va in gol

next
Articolo Successivo

Coronavirus alla Casa Bianca, l’indiscrezione: “Alto funzionario della sicurezza malato da un mese, ricoverato da settembre”

next