Una Maxi rissa a colpi di casco, coltelli e lancio di oggetti è scoppiata nella notte a Pozzuoli, nel Napoletano, tra due gang di giovani. Nello scontro, avvenuto a mezzanotte nell’area antistante il porto, individuata come Piazza a Mare, sono rimasti coinvolti una trentina di ragazzi, per lo più minorenni, per cause in corso di accertamento da parte delle forze dell’ordine.

Secondo le prime ricostruzioni legate al racconto di alcuni testimoni, sono almeno due le persone rimaste ferite nella rissa. Sul posto sono intervenuti in forze, chiamati da residenti e commercianti della zona, carabinieri e polizia municipale che hanno avuto grosse difficoltà a sedare lo scontro.

Futili, dai primi riscontri, i motivi del pestaggio tra i due gruppi di giovani provenienti dall’area flegrea e dall’area domizia. Al setaccio da parte della polizia municipale le registrazioni delle videocamere di sorveglianza della zona per risalire agli autori del grave episodio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il disprezzo per i deboli si può nascondere nel populismo e negli interessi economici dei potenti”, la terza enciclica del Papa è la più politica

next