Sono 2.578 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in leggero calo rispetto ai 2.844 di ieri. Stando al bollettino diffuso dal ministero della Salute, però, diminuiscono i tamponi: ne sono stati effettuati 92.714 (ieri erano più di 118mila). 18 i morti. Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, le persone ricoverate in terapia intensiva tornano sopra quota 300: attualmente sono 303 (+6 in un giorno). Più elevato il numero di chi è ricoverato con sintomi: sono 3.287 in tutta Italia, di cui 82 solo nelle ultime 24 ore. I cittadini che si trovano in isolamento domiciliare sono invece 53.839, di cui oltre 9mila in Lombardia e circa 7mila sia nel Lazio che in Campania.

Sul fronte delle Regioni, è sempre la Campania a registrare il maggior incremento di casi: +412. Seguono la Lombardia (+314), il Veneto (+261) e il Lazio (+244). A differenza di ieri, nessuna Regione può dirsi a contagio zero. Anzi, si registrano nuovi infetti pure in territori che finora sono stati risparmiati dalla circolazione del virus. Il Molise passa da zero casi di ieri a +15, mentre in Valle d’Aosta sono 7 le persone risultate positive al tampone. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza arriva così a 325.329 in tutto il Paese, mentre i decessi sono 35.986.

Come tutte le domeniche dall’inizio della pandemia, il numero dei test effettuati è diminuito rispetto ai giorni infrasettimanali. Il calo maggiore si osserva in Veneto, passato dai quasi 20mila tamponi di ieri a 12.817. 4mila tamponi in meno anche in Lombardia, mentre sono quasi dimezzati in Sicilia. In totale i test analizzati nel nostro Paese dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono 11.784.105.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Emilia, la macchina del riciclaggio “attiva” in 14 regioni con 10 cellule operative. Pacchi di soldi nascosti ovunque

next
Articolo Successivo

Latina, il direttore della Asl: “Uscite meno possibile, aumento casi covid preoccupante”

next