I soccorritori non perdono la speranza: sull’isola Macquarie della Tasmania continuano a trarre in salvo le centinaia di balene che restano ancora spiaggiate sulla costa e che nonostante il trascorrere delle ore sono riuscite a sopravvivere. Un gruppo cerca di spingere un mammifero, allo stremo delle forze, in acque più profonde con estrema difficoltà. Le autorità australiane, che stanno assistendo a un fenomeno unico del suo genere – sono decedute gia’ 380 balene, mentre solo 88 sono state tratte in salvo – hanno deciso di sopprimere quelle che restano ancora spiaggiate. Una decisione inevitabile che, secondo le autorita’ australiane, evitera’ a questi animali di continuare a soffrire. Altre 20 pero’ potrebbero salvarsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, sindache contro restrizioni per Covid. A Marsiglia l’annuncio del Comune: “Non faremo le multe ai ristoranti e ai bar aperti”

next
Articolo Successivo

Gran Bretagna, “nell’80% dei casi violato l’auto-isolamento. Anche se sanno di avere i sintomi del Covid non rimangono a casa”

next