Dopo l’incendio che ha distrutto il campo di migranti a Moria nell’isola di Lesbo, l’Ue è pronta a “finanziare un nuovo campo più moderno” in Grecia. Lo ha annunciato il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Margaritis Schinas in videoconferenza dalla Grecia in con il ministro dell’Interno tedesco Seehofer. “L’Unione Europea è pronta non solo a finanziare e sostenere la costruzione di questa nuova struttura, ma anche a considerare qualsiasi richiesta greca per un ruolo più attivo nella gestione di questa nuova struttura”, ha precisato Schinas, annunciando che ne parlerà oggi con il premier greco. Nelle prossime ore navi finanziate dall’Ue saranno dispiegate per dare rifugio ai richiedenti asilo più vulnerabili.

Il campo profughi di Moria era uno dei più grandi d’Europa con oltre 12.600 residenti in terribili condizioni igieniche. Nella notte tra martedì e mercoledì è stato completamente distrutto dalle fiamme dopo una serie di incendi. Ad appiccarli, stando alle autorità greche, sarebbe stato “un gruppo di migranti in segno di protesta“. Il problema ora è fornire assistenza ai migliaia di sfollati che erano ospiti della struttura e stanno passando le notti per strada, mentre le autorità hanno inviato sul posto rinforzi di massa per contenere le folle.

Una situazione aggravata ulteriormente dall’emergenza coronavirus: la settimana scorsa 35 richiedenti asilo sono risultati positivi al tampone. Nel campo, ricorda l’Agenzia dell’Onu per i Rifugiati, erano presenti “più di 4mila bambini e altri gruppi vulnerabili, inclusi 407 bambini non accompagnati, donne incinte e anziani”.

A fornire una prima lettura dell’accaduto è il capo della campagna sulle Migrazioni di Oxfam, Evelien van Roemburg, secondo cui siamo di fronte a una “tragedia umanitaria” esplosa in conseguenza alle “risposte fuorvianti fornite da anni dall’Ue e dai suoi Stati membri alle persone in fuga da conflitti e persecuzioni“. Una denuncia che fa eco a quella già lanciata da Marco Sandrone, capo progetto di Medici Senza Frontiere a Lesbo, secondo cui “le persone a Moria vivono in condizioni disumane da anni“. A loro parere, “il Parlamento europeo deve lanciare un’indagine sulle politiche e le pratiche dell’Ue e dei suoi Stati membri, che hanno portato ad una cattiva gestione degli hotspot sponsorizzati dall’Ue sulle isole greche”.

Intanto ieri Germania e Francia avevano annunciato che accoglieranno 400 minori mentre l’Olanda ospiterà 100 tra bambini e persone vulnerabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

America in fiamme: 15 morti. In Oregon evacuati in 500mila. Trump vara stato d’emergenza – Foto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Spagna positivo l’11,8% dei tamponi: è il valore più alto d’Europa. Le due sfide? Test e influenza stagionale

next