Lezmond Mitchell, 38 anni, unico nativo americano che era nel braccio della morte, è stato ucciso nel carcere federale di Terre Haute, Indiana, con un’iniezione letale. La sua è stata la quarta pena capitale federale nel 2020, più di quelle portate a termine nei precedenti 56 anni. A ripristinarle è stata l’amministrazione Trump, che ha messo fine a una moratoria di fatto che durava da 17 anni per i detenuti nelle prigioni federali. Il suo avvocato e molti Navajo hanno sperato invano in un intervento dell’ultima ora del presidente Donald Trump per fermare l’esecuzione.

Mitchell era stato condannato con un complice per aver ucciso Tiffany Lee, una bimba di 9 anni, e la nonna Alice Slim (63), che aveva offerto loro un passaggio su un pickup mentre facevano l’autostop nella riserva Navajo in Arizona nel 2001. I due accoltellarono la donna 33 volte e tagliarono la gola alla ragazzina prima di lapidarla. Poi mutilarono i loro corpi. Il governo Navajo aveva chiesto che il presidente commutasse la sentenza sulla base del fatto che l’esecuzione avrebbe violato la sovranità della stessa comunità Navajo.

(foto d’archivio)

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’uragano Laura è arrivato in Louisiana, onde di 6 metri e venti a 240 chilometri orari: più violento di Katrina. Una tempesta letale

next
Articolo Successivo

Usa, l’occhio dell’uragano Laura visto dallo spazio. Il ciclone ha toccato terra al confine tra Texas e Louisiana

next