Sono 1.411 i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime 24 ore a fronte di 94.024 tamponi effettuati. Altre 5 persone affette dal virus sono morte. I malati ricoverati in reparti Covid sono 1.131 e altri 67 si trovano in terapia intensiva. È questo il quadro dell’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia. La regione con l’incremento maggiore di positivi è la Lombardia (286), seguita da Emilia-Romagna (171) e Lazio (152). Anche il Veneto e la Campania fanno segnare più di cento nuovi infetti, rispettivamente con 132 e 130 contagi. La Toscana si ferma a 99. Nessuna regione ha zero casi.

Mercoledì i nuovi positivi erano stati 1.367 con 495 tamponi in meno rispetto a oggi. In aumento il numero di ricoverati (+76), anche in Lombardia (+15) che segnala però come non si tratti di “casi di polmonite, malattie respiratorie o infettive” ma di “pazienti transitati dal pronto soccorso per altri motivi, risultati positivi anche al tampone che viene effettuato ad ogni ricovero”.

In calo le terapie intensive (67, -2) ma bisogna tenere conto dei 5 decessi, con ogni probabilità – il dato non è diffuso dal ministero – persone che si trovavano nello stesso reparto. Dal report emerge che gli attualmente positivi sono 21.932 (+1.179 da ieri), di cui 20.734 si trovano in isolamento domiciliare. Nelle ultime 24 ore sono stati 225 i dimessi-guariti. Dall’inizio dell’epidemia i casi totali accertati ammontano a 263.949, le vittime complessive a 35.463. In 206.554 hanno sconfitto il virus.

Tra lunedì e giovedì sono stati 4.604 i contagi accertati, negli stessi quattro giorni della scorsa settimana erano stati 2.203, due settimane fa furono 1.669 e un mese fa superavano di poco i mille (1.040). Numeri che confermano quanto riportato nel report della fondazione di Gimbe che nella sua analisi, pur sottolineando come i dati non siano paragonabili ai mesi del lockdown, afferma che in una settimana i nuovi casi siano quasi raddoppiati e il trend di ricoveri sia in crescita.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Miozzo (Comitato tecnico scientifico): “Trend sotto controllo ma ci aspettiamo lieve incremento”

next
Articolo Successivo

Scuola, Miozzo (Cts): “Riapertura necessaria nonostante i rischi”. Dalle mascherine alla misurazione della febbre: tutte le indicazioni

next