L’indice di contagiosità Rt, attualmente con un valore pari a 0,83, “potrebbe sottostimare leggermente la reale trasmissione del virus a livello nazionale”. Lo rivela il consueto bollettino settimanale dell’Istituto superiore di sanità sull’evoluzione della pandemia. Secondo gli scienziati, il motivo è che nel periodo compreso fra il 30 luglio e il 12 agosto l’indice è stato calcolato “sui soli casi sintomatici“. Il numero dei nuovi positivi al Covid (con sintomi), si legge ancora nel rapporto, “è stato sostanzialmente stazionario nelle scorse settimane”. Si rileva quindi che “in questo particolare momento dell’epidemia l’indice di trasmissione (Rt) calcolato sui casi sintomatici, pur rimanendo l’indicatore più affidabile a livello regionale e confrontabile nel tempo per il monitoraggio della trasmissibilità”, deve essere sempre interpretato “tenendo anche in considerazione il dato di incidenza”.

Diverso è il caso di chi non manifesta febbre, tosse o altre spie del virus: secondo l’Iss, il numero di asintomatici è in aumento. Lo dimostrano le attività di tracciamento dei contatti e i casi importati dall’estero. A questo proposito, gli scienziati osservano che a partire da metà giugno le nuove infezioni da Sars-Cov-2 sono avvenute soprattutto localmente. Se si prende in considerazione solo il periodo tra il 3 e il 16 agosto, risultano “779 i cittadini italiani di ritorno da un viaggio all’estero risultati positivi”. Si tratta solo del 27,2% del totale. L’Italia, segnala il documento nelle conclusioni, “si trova in una fase epidemiologica di transizione con tendenza ad un progressivo peggioramento. Nelle due ultime settimane si rileva la trasmissione diffusa del virus su tutto il territorio nazionale che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti. Questo aumenta lo stress sui dipartimenti di prevenzione, incaricati di tracciare tutti i casi e i contatti”.

Nonostante questo, concludono gli esperti, il 63,8% dei nuovi casi di Covid-19 tra il 3 e il 16 agosto è stato trovato grazie all’attività di indagine con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti, oltre che di screening. Nello specifico, il 31,5% dei casi è stato individuato grazie al contact tracing, mentre il 32,3% è stato identificato tramite attività di screening. I rimanenti casi sono stati identificati in quanto sintomatici (31,2%) o non è riportata la ragione dell’accertamento diagnostico (5%).

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, violenta grandinata su Merano: le strade della cittadina diventano fiumi di acqua e ghiaccio. Allerta arancione al nord

next
Articolo Successivo

Aeroporti di Milano e Roma, servizio tamponi chiude entro le 18.30 (ma ci sono differenze). Galli: “Così le istituzioni non sono credibili”

next