Il giorno dopo la grande paura e lo stupore per le modalità che hanno portato al deragliamento di un treno a Carnate (Monza) sono stati sospesi “cautelativamente” il macchinista e il capotreno del convoglio. Intanto si stanno concentrando sui doveri di sorveglianza sul convoglio, che spettano al capotreno, le verifiche di inquirenti e investigatori nell’inchiesta, coordinata dal procuratore di Monza Claudio Gittardi e dal pm Michele Trianni e condotta dalla Polfer. Un capotreno, infatti, viene riferito da fonti qualificate, non può abbandonare il convoglio, nemmeno quando è in sosta. Né il capotreno né il macchinista, invece, erano presenti quando il treno si è messo in moto da solo, perché erano scesi per una pausa al bar. Il capotreno è stato ascoltato dagli investigatori già ieri, mentre il macchinista era in stato di choc e quindi l’audizione è slittata. Il convoglio si è mosso perché non era stato inserito il freno e ha percorso circa 10 chilometri senza guida prima del deragliamento, avvenuto perché è stato instradato verso un binario tronco della stazione di Carnate, per evitare peggiori conseguenze. Nelle indagini si dovrà appurare anche se il convoglio, non di ultima generazione e anzi definito “vecchio”, avesse o meno a disposizione un sistema frenante di emergenza che poteva essere attivato.
Il fascicolo, aperto per disastro ferroviario colposo, resta per ora a carico di ignoti in attesa di una prima relazione della Polfer.

Per fortuna a bordo del treno 10776 viaggiava un solo passeggero, che se l’è cavata con qualche contusione. Ma ai soccorritori la scena dei convogli usciti dai binari a Carnate, ribaltati e messi di traverso, 3 su 5 oltre la motrice, ha ricordato da vicino le tragedie di Pioltello e Lodi ed è per questo che si indaga per disastro ferroviario colposo, al momento a carico di ignoti. Secondo la ricostruzione alla stazione di Paderno d’Adda (Lecco), da cui il treno sarebbe dovuto partire alle 12.22, il macchinista e il capotreno sono scesi per concedersi una pausa, e il treno si è messo in moto prima del tempo, senza nessuno alla guida, sfruttando probabilmente una leggera pendenza presente in quel tratto. Viaggiando a bassa velocità per quasi 10 km senza macchinisti, è arrivato poco dopo le 12 alla stazione successiva, quella appunto di Carnate, dove è stato deviato dai tecnici di Rfi su un binario morto.

Alle 6.20 di oggi il traffico ferroviario fra Monza e Calolziocorte è ripreso gradualmente, su un unico binario, nella stazione di Carnate. Nel corso della notte è iniziata la rimozione dei vagoni che saranno poi demoliti. “I treni da e per la Valtellina – ricorda Trenord – circolano regolarmente; la suburbana S8 Lecco-Milano offre un treno all’ora; Paderno d’Adda è servita da bus. Tutte le informazioni sui provvedimenti di circolazione sono disponibili in tempo reale sul sito Trenord.it e sull’App Trenord. Trenord, spiega una nota della società, “ha offerto un servizio di supporto psicologico” a capotreno e maccinista. L’azienda, che gestisce il trasporto ferroviario regionale, “si è messa a disposizione e collabora attivamente con gli inquirenti e con la magistratura, fornendo tutte le informazioni necessarie all’indagine, a partire dalla ‘scatola nerà della locomotiva, attualmente sotto sequestro”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, Iss: “Incidenza tornata ai livelli di giugno. Casi meno gravi o asintomatici”. Si abbassa l’età mediana: 30 anni

next