Da ieri, i nuovi contagi di coronavirus in Italia sono 522, a fronte dei 402 registrati giovedì e dei 384 di mercoledì. Per arrivare a un numero così alto negli ultimi mesi bisogna tornare indietro fino al 28 maggio, quando i casi erano stati 593. In ventiquattr’ore, quindi, i positivi sono aumentati di 150 unità. Uno scatto notelevole, mentre il numero di tamponi cresce leggermente: 59.196 contro i 58.673 del giorno precedente, quasi 500 in più. Come certifica il nuovo bollettino diramato dal Ministero della Salute, in totale i casi di Covid-19 sono 249.756 dall’inizio della pandemia. Tre i nuovi decessi – dimezzati rispetto ai 6 di ieri – per un totale di 35.190 vittime.

Nonostante l’aumento dei contagiati, resta stabile – cifre invariate – il numero delle terapie intensive con 42 pazienti. I guariti, in totale, sono 201.642. Gli ‘attualmente positivi’, invece, sono 12.924 in totale: 230 in più rispetto a ieri.

Nessuna Regione oggi è a “zero nuovi casi”. L’aumento più significativo si registra in Veneto: 183 nuovi positivi. Seguono la Lombardia (69) l’Emilia Romagna (54) il Piemonte (37) l’Abruzzo (39) e il Friuli Venezia Giulia (27).

Sono 69 i nuovi casi di coronavirus in Lombardia, di cui 5 ‘debolmente positivi’ e uno individuato a seguito di test sierologici, mentre resta invariato il numero di decessi, 16.829 in totale. I guariti e dimessi sono complessivamente 74.232 (+152), di cui 72.795 guariti e 1.437 dimessi. Due in meno i pazienti in terapia intensiva, cioè 9, mentre due in più quelli in altri reparti, 170. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 8.128, con il totale complessivo che sale a 1.352.490.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verbali desecretati, il comitato dei familiari delle vittime: “Necessario pubblicarli tutti. Nota su zona rossa? Cose risapute da tempo”

next
Articolo Successivo

Milano, aumentano gli incidenti su biciclette e monopattini. L’assessore: “533 feriti in 2 mesi, servono targhe e caschi obbligatori”

next