di Donatello D’Andrea

Nel corso degli ultimi anni, con l’avvento di quella che potrebbe definirsi la politica “per il popolo” e con il rafforzamento della costante mediatica e televisiva della stessa, c’è stato un progressivo imbarbarimento del linguaggio politico e del conseguente dibattito attorno alla cosa pubblica.

Sono molti i termini di uso quotidiano, o comunque non propriamente politico, entrati nell’immaginario comune e adoperati per descrivere una situazione di fattispecie politica. Dal comunissimo “rosicare”, termine di derivazione calcistica, all’abusatissimo “asfaltare”, in occasione di elezioni e simili. L’uso e l’abuso di questa terminologia non ricercata, né tantomeno consona ad un dibattito sulla cosa pubblica, sottolinea il lento e irreversibile imbarbarimento dell’attività politica.

Un processo inesorabile e che interessa un po’ tutte le nazioni del mondo civilizzato, le quali hanno ripudiato il saper fare politica in nome di una sintesi semplificata di concetti complessi. Una falsa necessità, dato che una delle conseguenze della semplificazione di qualcosa di complesso è, in modo inevitabile, la superficialità.

Infatti sono troppi i temi attorno cui si concentra tutta la superficialità di una classe dirigente cresciuta dentro un panorama politico dove l’importante non era portare a casa un risultato concreto, anche a costo di renderlo inspiegabile al grande pubblico, ma dare l’impressione di aver fatto qualcosa.

Ad esempio l’area tematica su cui si concentrano tutti gli sforzi della “semplificazione” è la crisi migratoria. Dal “tornino a casa loro” al “prenditeli tu”, gli slogan elaborati da talune parti politiche hanno inquinato un dibattito complesso che richiederebbe, invece, un’attenzione diversa.

Il più delle volte l’adozione di uno slogan deriva dallo scarso approfondimento di quell’area tematica, ma può altresì sottolineare la volontà del politicante di turno di far passare un messaggio facilmente interpretabile.

Gli slogan sono, forse, l’esempio più evidente della politica dello striscione che ha trasformato il dibattito pubblico in una questione di tifo. Lo squallido utilizzo della terminologia calcistica sottolinea la tendenza degli italiani a ridurre tutto ad un match dove in palio non c’è il destino dell’Italia, bensì una coppa.

Peccato che queste tendenze portino non soltanto ad un generale imbarbarimento di un dibattito che non si concentra più sul punto focale di una determinata questione ma su stralci di poco conto e, al contempo, generano nel corso del tempo una classe dirigente impreparata e avvezza alla gestione della cosa pubblica, con evidenti ricadute sulla situazione generale e sul ruolo del politico, una volta spettante al migliore della società.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nunzio Angiola, ex M5s folgorato da Calenda: “Conte leader dei populisti”. Un anno fa disse: “Autorevole, è ciò di cui l’Italia ha bisogno”

next
Articolo Successivo

Enrico Costa lascia (di nuovo) Forza Italia e va con Calenda. Relatore del lodo Alfano, di Renzi e B. disse: “Con loro si lavora benissimo”

next