Un campo vicino a un ristorante, una donna che si cosparge di liquido incendiario e si dà fuoco. Sono da poco passate le 13, le fiamme sono alte, impossibili da non notare. Un passante ferma la sua auto e cerca di evitare il peggio, utilizzando un asciugamano. Solo dopo alcuni minuti viene raggiunto da una seconda persona con un estintore, ma né questo né i soccorsi arrivati in seguito riescono a salvare la vittima. “La signora bruciava nel campo di fronte e io ero l’unico che cercava di fare qualcosa. In compenso una ventina di persone con il telefonino, che riprendevano la scena”, racconta il primo soccorritore. Quando sono arrivati i soccorsi era ormai troppo tardi. La sua ricostruzione di quegli attimi è riportata in un lungo post pubblicato su Facebook dalla sindaca della cittadina lombarda, Stefania Bonaldi.

L’uomo ha scritto alla sindaca, spiegando che i ”curiosi” si sono avvicinati alla scena “solo alla fine, quando ormai avevo spento tutto”. “Si parla di un essere umano, ma quelle persone con il telefonino cosa facevano, riprendendo???? Se fossi passato un paio di minuti prima, forse l’avrei salvata”, ha scritto il soccorritore. “So che lei non può far nulla – ha aggiunto rivolto alla sindaca – ma ho pensato a lei come primo cittadino per avvisarla per prima”. Nel parcheggio del ristorante c’erano almeno una ventina di persone che, secondo la testimonianza, stavano immortalando la scena con il loro telefonino. La sua lettera è stata pubblicata dalla sindaca con il suo consenso: “Una testimonianza agghiacciante“, scrive Bonaldi. “Se gli spettatori di questa tragedia hanno avuto la freddezza di prendere il telefonino ed immortalare la scena, anziché correre in aiuto o chiamare i soccorsi, allora dobbiamo farci delle domande. Serie e molto, molto urgenti. Cosa siamo diventati?, si chiede la sindaca. Ecco qui di seguito il suo post integrale:

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emanuela Orlandi, la famiglia farà analizzare i frammenti trovati nel Cimitero Teutonico. “Se ci saranno le condizioni anche Dna”

next
Articolo Successivo

Posti pieni, Lombardia e Liguria non tornano indietro: più persone sui mezzi pubblici

next