di Stella Saccà

Che fine ha fatto la vita di prima? Io non la trovo. Non mi ricordo come ero, cosa provavo. Guardo indietro, alla me del prima, e non riesco a mettere a fuoco. Non la sento me. Non ho indossato tutte le scarpe che ho comprato e che sembravano indispensabili. Non ho incontrato le persone che volevo vedere. Non ho viaggiato nei posti che volevo scoprire.

Ho comprato un costume anche se quasi sicuramente non lo indosserò. Non mi ricordo come si fanno le torte che ho fatto ad aprile, anzi mi sembra impossibile che le abbia fatte io. Scorro le foto e sembra ieri ma anche pochi minuti fa. Non ho la consapevolezza né il controllo del tempo. Non posso credere che siamo già ad agosto.

Le stagioni sembrano squagliate e mischiate come i gusti di un cono gelato mangiato dal caldo. Infatti non le distinguo, non ci riesco. Le ingoio per non sporcarmi e in fondo al palato non hanno più sapore. Niente ha sapore, se ci penso. Vorrei tornare a casa ma allo stesso tempo non vorrei.

Ho paura che in fondo siano passati anni e non me ne sono accorta, e temo di trovare tutto invecchiato. Mi sento in una bolla. Secondo me non abbiamo ben realizzato cosa è successo, cosa abbiamo vissuto. L’abbiamo buttata in caciara, perché così si fa quando si ha paura ed è giusto che sia così.

Ma che fine farà la vita di adesso, tra un po’? Quando scoppierà la bolla, ci bagneremo? O farà solo un leggero rumore, quasi impercettibile, e si tornerà a camminare come nella vita di prima? Chissà. Ma quanto vorrei fosse già ora, per scoprirlo.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puntuale come un treno giapponese arriva la più temuta: la Peg. Ma non finisce qui

next
Articolo Successivo

Palermo, il Parco Villa Tasca è un’oasi verde di civiltà dove connettersi con la natura e l’umanità

next