Il compleanno del presidente della Repubblica italiana più citato sui social network non poteva che diventare un evento virale. Sergio Mattarella compie 79 anni – è nato a Palermo il 23 luglio del 1941 – e la rete gli rende omaggio: l’hashtag #auguripresidente è entrato tra i trend topic in Italia. Molti ricordano la famosa foto del capo dello Stato in mascherina all’Altare della patria, altri il celebre fuorionda con la battuta sul parrucchiere rivolta a “Giovanni” (Grasso, suo portavoce). Una valanga di auguri – anche in inglese – a cui il presidente in serata risponde con un Tweet: “Grazie alle cittadine e ai cittadini che hanno voluto esprimermi, attraverso i social, gli auguri per il compleanno”.

Non sono mancati ovviamente gli auguri della politica. Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, gli ha augurato buon compleanno “da tutte le democratiche e tutti i democratici”. I ministri Federico D’Incà, Nunzia Catalfo e Luigi Di Maio inviano note di buon compleanno: “In questi mesi di grande sofferenza, con pacatezza ha sempre fatto sentire la propria vicinanza all’intera popolazione. Guida preziosa per il governo, ancor di più nei momenti difficili quando siamo stati chiamati a prendere delle decisioni complesse”, scrive il titolare degli Esteri. Anche la berlusconiana Mara Carfagna e il renziano Ettore Rosato si uniscono alla lista. E sui social spunta pure il post dell’ambasciata americana: “Happy Birthday, President #Mattarella“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La deputata della Lega: “Per tenervi le poltrone importate il Covid”. Pd, M5s e Leu lasciano l’Aula

next
Articolo Successivo

Immuni, Pisano: “Scaricata da 4 milioni e 300mila utenti. App non è l’unica soluzione”

next