Centinaia di persone incontrate per lavoro girando un paio di giorni per Roma, anche se aveva già i sintomi del coronavirus. Poi il tampone (positivo) e infine l’ingresso in un hotel Covid di Rebibbia. La storia di un commerciante quarantenne originario del Bangladesh è stata raccontata oggi dal Messaggero: “Da 6-7 giorni avevo la tosse, ho girato con il furgone per la città”.

Il presidente dell’associazione ItalBangla racconta che si tratta di “un fornitore di tanti minimarket e negozi della zona” e che nell’ultima settimana avrà incontrato “un centinaio di persone, anche di più”. Dopo il tampone (risultato positivo) si è rivolto all’associazione di connazionali: “Sabato mattina è venuto qui negli uffici, che poi abbiamo sanificato. Il problema è che ha incontrato tanta gente per lavoro e vive in un appartamento con 6 persone”.

Il commerciante positivo al Messaggero racconta di aver rispettato il lockdown: “Non sono praticamente mai uscito di casa”, e dice di aver ripreso “da poco a lavorare”. Negli ultimi giorni ha “girato con il furgone per la città, con il mio autista, per 2-3 giorni, ma non di più, perché non c’è molto lavoro, poi fa molto caldo”. Si dice “preoccupato” per le persone con cui è venuto a contatto e per la possibilità di “aver infettato qualcuno“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, parenti delle vittime del Covid depositano altre 100 denunce: “Non vogliamo un nuovo mistero di Stato, no mezze verità”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati: altri 13 morti. Calano i nuovi casi: 169 in 24 ore. Continua a diminuire il numero dei tamponi: meno di 24mila

next