Se si tornasse oggi alle urne il centrodestra unito avrebbe la maggioranza in Parlamento, a prescindere dal sistema elettorale scelto. Diverse sarebbe invece il peso di Forza Italia, mentre chi deve guardare alle soglie di sbarramento è Matteo Renzi: in questo momento nel caso di un proporzionale puro la sua Italia Viva non sarebbe nemmeno in grado di superare il tetto del 3 per cento. Sono alcune delle conclusione a cui arriva il sondaggio condotto da Nando Pagnoncelli sul Corriere della Sera, simulando un ritorno alle urne sulla base delle intenzioni di voto dal 2 maggio al 9 luglio: quindi con la Lega al 25,5%, il Pd al 20% e il M5s al 18,1%, poi FdI (16,4%), Forza Italia (7,7%) e Azione (3%).

La previsione prende in considerazione quattro scenari: le variabili riguardano infatti sia la legge elettorale, su cui si tornerà a discutere dal 27 luglio alla Camera, sia il taglio dei parlamentari, oggetto di un referendum previsto per il 20 e 21 settembre. Nel primo scenario, con l’attuale Rosatellum (che prevede una quota maggioritaria) e senza riduzione degli eletti, il centrodestra avrebbe 391 deputati e 201 senatori: basterebbero Lega e Fratelli d’Italia per formare una maggioranza. Il secondo scenario invece ipotizza, a differenza del primo, un’alleanza pre-urne tra centrosinista e M5s: in quel caso la predominanza del centrodestra verrebbe ridotta, ma comunque garantirebbe a Salvini e alleati un margine tranquillo per governare.

Il contesto cambia nel terzo scenario, che prevede il passaggio alla legge elettorale chiamata Germanicum (proporzionale puro) e l’approvazione del taglio dei parlamentari. In questo caso, evidenzia Pagnoncelli, Forza Italia sarebbe decisiva nella formazione di un governo, dato che Lega e FdI uniti si fermerebbero a 191 seggi (su 400) alla Camera e 94 (su 200) al Senato. La soglia di sbarramento al 5% nazionale o al 15% regionale farebbe entrare in parlamento solo 6 forze politiche. Nel quarto scenario, con la soglia abbassata al 3%, ce la farebbe anche Azione di Carlo Calenda, mentre Renzi rischierebbe comunque di rimanere fuori dal Parlamento. Il quadro complessivo invece non cambierebbe rispetto al terzo scenario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Proroga stato emergenza, Casellati annuncia: ‘Martedì si vota’. Ma Palazzo Chigi chiarisce: ‘No, prima Conte riferirà in aula entro luglio”

next