Tre giorni di presidio sotto la sede Inps a Milano indetto dal Coordinamento Spettacolo Lombardia. “Il 15 giugno è stata la data indicata dal governo per la ripartenza del mondo della cultura e dello spettacolo dopo 4 mesi di fermo totale, ma ad oggi non è ripartito praticamente nulla” raccontano i lavoratori. “Sono passati 4 mesi nei quali gli ammortizzatori sono stati insufficienti e in alcuni casi completamente inesistenti. Ora basta, vogliamo risposte”. Le testimonianze di Elisa (attrice), Zac e Monia (tecnici audio).

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ex Ilva, ArcelorMittal annuncia altri tre mesi di cassa integrazione

next
Articolo Successivo

Il salario giornaliero di un neoassunto a termine supera quello di un indeterminato: ecco perché

next