Vorrei sognare mia moglie, non è mai successo”. Parole di una tenerezza alla quale siamo forse disabituati e che arrivano da un uomo, un fuoriclasse, che per tutta la vita ha fatto ridere la gente: Renato Pozzetto, vicino agli 80 anni, si è raccontato al Corriere della Sera e ‘la sensibilità del comico’ è arrivata, potentissima. La perdita di sua moglie, il suo più grande dolore: “Era molto spiritosa. Avevamo 16 anni. È stato un grande amore, durato fino a 10 anni fa, quando è mancata. Lei non era affascinata dal cinema e questo mi ha aiutato. Non è mai voluta venire a Roma, mi ero organizzato con una casa sui Fori Imperiali, ma ha chiesto di restare a Milano vicino alla madre”. Una donna riservata accanto a un uomo che ha avuto un successo gigantesco. Gli inizi, con Cochi Ponzoni: “Per anni, non ci distinguevano uno dall’altro. Quando nacque mia figlia Francesca, l’infermiera uscì dalla sala parto gridando: è nata la figlia di Cochi e Renato”. Oggi Renato è nonno, e manco a dirlo adora i nipoti con i quali è molto affettuoso. Lui che ha avuto un padre “rigido” al punto da stupirsi di un bacio: “Una mattina, quando da Gemonio faceva il pendolare con Milano, ho sentito che mio padre mi dava un bacio nel sonno. Mi sono stupito, non mi aveva mai baciato. Mi è piaciuto moltissimo e ho voluto convincermi che lo facesse tutte le mattine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vede il figlio cadere nel vuoto e morire durante un’escursione in montagna: veglia il corpo per tutta la notte

next