Il numero dei contagi giornalieri da coronavirus in Italia fa registrare ancora un calo, seppur leggero, a fronte però di un basso numero di tamponi effettuati: solo 28.972. Sono infatti 218 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore, contro le 224 di ieri, per un totale dall’inizio della pandemia di 238.720. Il trend del contagio rimane così stabile allo 0,09%. Di tutti i casi, 143 sono in Lombardia, ossia il 65,5%, secondo i dati della Protezione civile. Oggi sono 7 le regioni ad aumento zero: Puglia, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Sardegna, Umbria, Valle d’Aosta e Basilicata.

Si sono registrate ancora 23 vittime, stabili rispetto alle 24 di ieri, facendo così registrare di nuovo il livello più basso da inizio marzo. In Lombardia nell’ultima giornata ci sono state 3 morti, contro le 13 di ieri. Il numero totale a livello nazionale sale dunque a 34.657.

Continua comunque a crescere il numero di guariti che, nelle ultime 24 ore, sono stati 533, portando il totale dall’inizio della pandemia a 183.426. Domenica l’aumento era stato di 440. Di conseguenza, cala anche il numero degli attualmente positivi al virus che si attesta a 20.637, 335 meno di ieri, quando il calo era stato di 240. Numeri che portano a un ulteriore svuotamento dei posti letto nei reparti Covid. In terapia intensiva si trovano adesso 127 pazienti, 21 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 2.038, con un calo di 276 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 18.472, con un calo di 38 unità.

Tanto che sono nove le regioni che non hanno pazienti ricoverati in terapia intensiva. Si tratta di Marche, Campania, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Reparti di rianimazione senza pazienti Covid anche nella provincia autonoma di Trento.

I tamponi per il coronavirus effettuati fino ad oggi sono 5.013.342,mentre i casi testati sono 3.057.902.

Lombardia, solo 3 vittime nelle ultime 24 ore
Sono solo tre i nuovi decessi per coronavirus in Lombardia, il dato migliore dal 27 febbraio a oggi. Il totale dei morti in regione sale così a 16.573. I nuovi casi positivi sono 143 e la percentuale tra tamponi effettuati e casi positivi riscontrati è pari all’1,8%. Il totale complessivo dei positivi dall’inizio della pandemia a oggi è così salito a 93.111. Calano i ricoveri sia in terapia intensiva (-2, 51) che negli altri reparti (-213, 1.047).

Le Regioni: i contagi
Nel dettaglio, gli attualmente positivi sono 13.638 in Lombardia (-205), 1.970 in Piemonte (-43), 1.154 in Emilia-Romagna (-18), 585 in Veneto (+2), 360 in Toscana (-5), 250 in Liguria (+2), 945 nel Lazio (-46), 505 nelle Marche (-22), 133 in Campania (+7), 218 in Puglia (-4), 53 nella Provincia autonoma di Trento (+0), 141 in Sicilia (+0), 72 in Friuli Venezia Giulia (-6), 394 in Abruzzo (-9), 89 nella Provincia autonoma di Bolzano (+14), 13 in Umbria (-2), 28 in Sardegna (+0), 5 in Valle d’Aosta (+0), 33 in Calabria (-3), 43 in Molise (+3), 8 in Basilicata (+0).

Le Regioni: le vittime
Quanto alle vittime, in Lombardia sono 16.573 (+3), Piemonte 4.055 (+4), Emilia-Romagna 4.235 (+4), Veneto 2.003 (+1), Toscana 1.099 (+4), Liguria 1.552 (+3), Lazio 830 (+3), Marche 994 (+0), Campania 431 (+0), Puglia 540 (+0), Provincia autonoma di Trento 466 (+0), Sicilia 280 (+0), Friuli Venezia Giulia 344 (+0), Abruzzo 460 (+1), Provincia autonoma di Bolzano 292 (+0), Umbria 78 (+0), Sardegna 132 (+0), Valle d’Aosta 146 (+0), Calabria 97 (+0), Molise 23 (+0), Basilicata 27 (+0).

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Vax a Firenze, denunciati gli organizzatori della manifestazione in piazza Santa Croce: assembramenti senza protezioni

next
Articolo Successivo

Roma, uccide un cane impiccandolo nel parco: “Era ingestibile”. Denunciato un 66enne

next