Nei giorni scorsi era stata lanciata l’allerta dopo il focolaio scoppiato nel più grande mercato alimentare di Pechino, Xinfadi, che riforniva il 70% dei prodotti freschi in città, prima di essere chiuso ed essere individuato come l’origine di 236 contagi. Ma ora le autorità spiegano che la situazione è sotto controllo: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 18 i nuovi casi di Covid-19 in tutta la Cina, la metà dei quali nella capitale. Ed è la prima volta dal 13 giugno che a Pechino vengono annunciati meno di 10 nuove infezioni. Tra i nuovi casi, due sono stati registrati nella provincia di Hebei, mentre altri sette sono ‘importati’ e diagnosticati a Shanghai, Tianjin, Liaoning e Shaanxi. Dal 13 giugno le autorità hanno imposto rigide misure di contenimento alla popolazione, isolando interi quartieri, imponendo la chiusura delle scuole e lo stop a tutti i viaggi non necessari, oltre a testare più di 2,3 milioni di persone.

Stop alle importazioni di pollo dagli Usa – Per impedire l’arrivo di nuovi casi dall’estero, sono state anche “temporaneamente sospese” le importazioni di pollo surgelato dell’azienda americana Tyson Foods, dopo che è stato trovato un focolaio di coronavirus in uno degli impianti di produzione negli Stati Uniti, mentre i prodotti già arrivati in Cina verranno confiscati. Le autorità hanno inoltre chiesto alla multinazionale americana PepsiCo di chiudere una delle sue fabbriche di snack a Pechino dopo che diversi dipendenti si sono rivelati positivi al Covid, ha detto il portavoce della compagnia Fan Zhimin, aggiungendo che 87 contatti stretti sono stati rintracciati e messi in quarantena. I funzionari locali hanno annunciato una campagna nazionale per ispezionare i prodotti freschi provenienti da “paesi ad alto rischio”, in seguito a segnalazioni di nuovi cluster in aziende in Germania e negli Stati Uniti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Germania l’indice R0 balza a 2,88: all’origine il mattatoio-focolaio in Nord Reno Westfalia

next
Articolo Successivo

Israele, l’annessione dei territori palestinesi è una catastrofe per il diritto internazionale

next