Minacce, insulti e poi l’aggressione. La conducente di un autobus di Torino è stata aggredita da due coniugi, un uomo di 44 anni e una donna di 42, per aver detto alla signora di scendere visto che non indossava la mascherina. All’arrivo degli agenti, la coppia è stata arrestata ed è stata denunciata per interruzione di pubblico servizio, minaccia a pubblico ufficiale, resistenza e danneggiamento. Il 44enne deve rispondere anche di porto abusivo di arma.

Secondo quanto è stato ricostruito dalla polizia l’autista ha informato la passeggera di scendere dal mezzo, come previsto dalle nuove norme di sicurezza, perché non indossava il dispositivo di protezione. I due, però, hanno apprezzato l’imposizione e si sono avventati contro di lei. Il 44enne ha rotto la catena che, come misura di sicurezza anti-Covid, separa la cabina di guida dal resto del bus. La moglie, invece, ha infranto la parete divisoria. Poi, scesi dal bus, i due hanno continuato le violenze prendendosela con il mezzo. Lui ha estratto un coltello e colpito più volte il finestrino dell’autista. Nel tentativo di fermare i due un passeggero è intervenuto e la donna gli ha scagliato contro un sasso. Solo l’intervento della polizia, chiamata dagli altri passeggeri, è riuscita a fermare le violenze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, assembramenti in piazza Duomo per la manifestazione dei gilet arancioni: in centinaia senza mascherina e distanze di sicurezza

next
Articolo Successivo

Enzo Bianchi cacciato da Bose, il teologo Ruggieri: “Curia ha voluto normalizzare un’esperienza che non rientrava nei ranghi”

next