Era il 18 ottobre dell’anno scorso quando un bambino di 6 anni precipitò nella tromba delle scale mentre era a scuola. Quattro giorno dopo il piccolo morì e la procura di Milano aprì un’inchiesta per omicidio colposo. Quell’indagine è stata chiusa e due maestre e una bidella ora devono rispondere di omicidio colposo per aver “cagionato la morte del bambino”, Il pubblico ministero Maria Letizia Mocciaro, ritiene che le tre indagate siano responsabili di quanto avvenne”per negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme”.

Dalla ricostruzione il piccolo chiese di poter andare in bagno verso le 9.30. Le insegnanti gli avevano permesso di uscire da solo senza accompagnarlo, nonostante fossero in due in classe e senza verificare la presenza della collaboratrice scolastica assegnata a quel piano. Infatti, la bidella non era al suo posto. Così, mentre il bimbo stava tornando indietro, si era avvicinato al pianerottolo della tromba delle scale dove aveva trovato una sedia girevole con rotelle, abbandonata e incustodita, e ci si è arrampicato sopra. Probabilmente a causa dell’equilibrio, il piccolo era precipitato da un’altezza di 13 metri, provocandosi ferite così gravi da causarne la morte qualche giorno dopo in ospedale.

La maestra di italiano e la docente di sostegno sono accusate di avere “omesso la dovuta vigilanza sul bambino” avendogli permesso di andare in bagno “fuori dall’orario programmato” e violando così il regolamento dell’Istituto e la direttiva della scuola. La bidella, invece, è accusata di “non avere prestato servizio nella zona di competenza”, di non aver controllato il bambino mentre questo andava in bagno e di aver usato,invece, il telefono cellulare per scopi personali mentre era di turno. In più, oltre a non controllare il corridoio a lei affidato, la collaboratrice scolastica non si trovava nemmeno nel gabbiotto da cui avrebbe potuto, invece, vedere chiaramente il piccolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforma Csm, “raggiunto un accordo di massima”. Doppio turno e ballottaggio per l’elezione dei consiglieri

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Fontana in procura a Bergamo come teste. Convocato anche il presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti

next