Si può riempire la propria finestra con un disegno o con un collage, con parole, immagini, fotografie, scrittura. Si può disegnarne anche una propria con il proprio mondo rappresentato all’interno. Con il progetto editoriale “Dalla finestra vedo il mondo che vorrei”, la Compagnia Rodisio punta a coinvolgere i più giovani e gli insegnanti per far comunicare e condividere l’immagine del mondo verso cui vogliamo andare, quello che ci aspetta, oltre la finestra.

“Perché questo tempo indefinibile non deve fermare le nostre visioni di futuro”. E anche questo tempo alla finestra non deve essere sprecato. Così condividere, giocando, la propria visione del mondo futuro, alimenta la necessità di andare oltre il presente, “non solo temporale oltre un qui definito da pareti invalicabili, oltre le certezze lasciate fuori dalla finestra”.

Il progetto è aperto a tutti, dopo aver raccolto e messo nero su bianco i propri sogni e speranze, si può inviare il lavoro all’email info@rodisio.it oppure come messaggio alla pagina Facebook.

La Compagnia Rodisio si occupa da oltre 15 anni di progetti teatrali dedicati all’infanzia e all’adolescenza. Sia in Italia che all’estero cura percorsi di ricerca e di formazione per bambini, ragazzi e adulti. I suoi spettacoli sono tradotti in 10 lingue. La compagnia utilizza anche il lavoro svolto con i più piccoli per elaborare spettacoli: l’attività teatrale fatta con i bambini diventa dunque momento fondamentale ed imprescindibile nel processo creativo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

KatÀstrofi: se gli artisti si mettono in testa di divertire, appassionare e pure riflettere

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in questi tempi di pandemia servirebbero mille Joseph Grand

next